E’ festa anche per loro – Se ami davvero gli animali rinuncia ai botti

Botti vietati nei luoghi sensibili

Il divieto va dalle ore 8 di sabato 30 dicembre alle ore 24 di lunedì primo gennaio. Sanzione da 25 a 500 euro per i trasgressori. Nella locandina: “È festa anche per loro, se ami davvero gli animali rinuncia ai botti”

Anche per il fine anno 2017 saranno proibiti i botti in alcuni luoghi sensibili della città. Il divieto è dalle ore 8 di sabato 30 dicembre alle ore 24 di lunedì primo gennaio e sarà in vigore in prossimità di:

ospedali e case di cura e di riposo;
aree destinate ai giochi dei bambini;
aree in cui ci sia concentrazione organizzata di persone;
cimiteri e luoghi di culto;
aree di sgambatura cani;
canili e cliniche veterinarie.

Secondo quanto previsto dall’articolo 7 bis del testo unico sugli enti locali, i trasgressori potranno incorrere in una sanzione da 25 a 500 euro.La Polizia Municipale pattuglierà le zone più sensibili della città.

Consigli ai proprietari di animali

L’ufficio Tutela degli Animali del Comune di Livorno fornisce un piccolo decalogo di consigli e accorgimenti da adottare per la salvaguardia degli animali in occasione dei festeggiamenti di fine anno:

  • tenere gli animali domestici non legati ma ben custoditi in luoghi riparati, all’interno delle case (non sui terrazzi o in giardino ma, per esempio, in garage o taverna), in modo che il rumore arrivi attutito e non si percepiscano i bagliori.
  • tenere in casa i gatti, anche se sono abituati ad uscire. Se si rifugiano sotto il letto o sotto un mobile, meglio non tentare di stanarli: se hanno scelto quel luogo è perché lo considerano sicuro.
  • meglio non lasciare soli i nostri amici, mostrandosi sempre tranquilli e felici, per trasmettere che “non c’è nulla da temere”.
  • Accendere la radio e la televisione, a volume leggermente più alto del solito: in questo modo viene attenuata la percezione di rumori forti e improvvisi come quelli causati dallo scoppio di petardi.
  • Durante le passeggiate, tenere i cani al guinzaglio: gli scoppi potrebbero infatti provocare una improvvisa fuga.
  • Mettere una medaglietta all’animale (che non sostituisce il microchip obbligatorio per legge per i cani) con i recapiti per essere contattati in caso di smarrimento.
  • Per gli animali che in passato hanno sofferto di attacchi di paura a causa dei botti, si può chiedere al veterinario la prescrizione di un blando sedativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *